Kovacic-Real Madrid: affare fatto!

Kovacic

Kovacic

Mancano solo pochi dettagli, e la trattativa-lampo condotta dal Real Madrid per l’acquisto di Mateo Kovacic sarà ufficializzata dalle parti coinvolte. Un affare che dovrebbe portare all’Inter una cifra intorno ai 32-33 milioni di euro, la perfetta via di mezzo tra i 28 proposti inizialmente dal Real Madrid e i 35 richiesti dall’Inter.

Il trasferimento del centrocampista, che in due anni e mezzo all’Inter non è mai esploso con tutto il suo potenziale, risulta già essere un affare economico per i nerazzurri: Kovacic era stato infatti pagato 15 milioni di euro, e considerato l’ammortamento si può ritenere che la plusvalenza a favore della società di Thohir sia davvero considerevole.

Alcune voci di mercato nelle precedenti ore avevano addirittura parlato di un probabile interessamento da parte del Milan, ma a quanto pare quello dei cugini milanisti era solamente un sondaggio. Con il trasferimento ai Galacticos si potrebbe riaprire la posizione di Isco, centrocampista seguito dalla Juve ma poco utilizzato da Benitez in questo pre-campionato.

Kovacic Real Madrid

Balotelli: cosa ne sarà di lui?

Balotelli

balotelli

25 anni. Una carriera fulminante, e forse anche fulminata.

Il rischio concreto di diventare un mantenuto di lusso, ostaggio del Liverpool che, dopo aver puntato su di lui con un investimento forte, lo ha messo ai margini del progetto.

L’allenatore dei Reds Brendan Rodgers l’anno scorso sembrava aver pazientato, attendendo invano che in allenamento e poi in partita il centravanti dimostrasse realmente di che pasta era fatto.

Ma il bottino finale della stagione 2014-2015, che lui aveva definito come quella del ritorno a casa, è scarno quanto impietoso: una rete su 16 partite giocate in Premier League (di cui solo 10 da titolare), una rete in Champions League e una rete nella Capital One Cup.

Un rendimento che gli è valso il premio come Bidone dell’anno, giudicato da tutti i tifosi inglesi e svariate prese in giro da parte dei media Oltremanica (a Febbraio, quando segnò il suo primo e unico gol in Premier, The Indipendent annunciò su Twitter l’evento come se fosse la nascita di un Royal Baby).

Ed eccoci arrivati qui, inizio stagione 2015-2016.

Settima o ottava punta. Mario Balotelli sembra essere sceso dalle stelle alle stalle: poteva essere la bandiera del Milan o del Manchester City, poteva rilanciarsi con il Liverpool, ma non è riuscito in niente di tutto questo.

Caratterialmente e comportamentalmente, Mario Balotelli non ha la testa di un fuoriclasse. È molto probabilmente a causa di questo, e a causa dei deliri di onnipotenza che lo hanno avvolto ogni qualvolta che la sua classe è riuscita a dimostrarsi in pieno (non spesso) che l’attaccante italiano non ha fatto il salto di qualità.

Diceva che voleva puntare al Pallone d’Oro: era un sogno realizzabile, dato il suo talento immenso e la sua giovane età. Ma sono passati già diversi anni, e Balotelli a 25 anni si ritrova nel periodo in cui dovrebbe aver raggiunto un minimo di maturità; e invece come un novello Peter Pan sembra ancora quel ragazzino che si divertiva a lanciare freccette ai giocatori della Primavera al Manchester City.

Forse il presidente della Sampdoria Ferrero gli darà una possibilità, anche se probabilmente sarà tardi per il giocatore per rilanciarsi a grandi livelli. La piazza genovese può essere quella giusta per rilanciarsi, con un’operazione che ricorda quella effettuata ai suoi tempi da Garrone con Cassano.

Se l’ex SuperMario deciderà finalmente di mettere la testa a posto potrà diventare una pedina fondamentale in Nazionale, oltre che regalare soddisfazioni ai tifosi doriani.